Quali sono le tastiere con più funzioni? Guida ai prodotti e come scegliere la migliore

Sono certamente un valore aggiunto in qualunque dispositivo, perché oltre a completarlo, lo rendono di maggiore o minore interesse per l’utente di turno, alla ricerca in esso di ben determinate caratteristiche. E ciò vale anche per la tastiera musicale, uno strumento elettronico molto versatile, adoperato dai musicisti professionisti come dai principianti, che il mercato mette a disposizione in diversi modelli, ciascuno dei quali si rivela più o meno adatto a fronte delle specifiche esigenze individuali. Sono infatti queste ultime il punto di partenza per la “migliore” tastiera, lo step iniziale che guiderà alla scelta più confacente al caso proprio: una tastiera “basica” e di costo più contenuto, sarà allora la scelta preferenziale per chi sta muovendo i primi passi nel mondo della musica, laddove invece una più sofisticata, ma anche di costo superiore, risulterà l’opzione ideale per gli esperti del settore, che sono alla ricerca di una tastiera musicale con più funzioni. E quest’ultima costituisce appunto l’oggetto della nostra trattazione.

La scelta del migliore prodotto: linee guida

Quando si decide di acquistare una tastiera musicale, non è infrequente trovarsi “destabilizzati” ed in preda a mille dubbi e ripensamenti: l’offerta è infatti davvero ampia – come or ora anticipato – e non sempre si riesce da subito a individuare ciò di cui si ha realmente bisogno. Ecco perché è di grande importanza badare ad imprescindibili criteri-base, di aiuto affinché la propria risulti una scelta ponderata e aderente alle esigenze personali, ovviamente diverse da utente ad utente. Il numero dei tasti e la loro pesatura, gli effetti o gli accessori a corredo dello strumento in oggetto, ma anche le funzioni – che sono l’argomento su cui ci soffermiamo in questa sede – sono tutti importanti fattori da non trascurare.

E come scegliere, in particolare, la “migliore” tastiera musicale con più funzioni? A quali aspetti badare? Siamo in presenza di un prodotto di fascia media (mettendo al contempo in evidenza che uno di fascia alta è “destinato” ad un uso prettamente professionale) in grado di soddisfare – con le caratteristiche che gli sono proprie – le necessità di un’utenza più esperta, ma anche di coloro i quali necessitano di un supporto sul quale potersi esercitare. Va al contempo sottolineato che sia chi sta imparando a suonare, sia chi è già un professionista del settore, troverà assolutamente indispensabile il metronomo, la cui funzione è quella di scandire il tempo in bpm (battiti per minuto), attraverso un segnale visivo e acustico, durante l’esecuzione del brano. Ma procediamo con ordine e scopriamo insieme le principali funzioni che caratterizzano lo strumento in oggetto.

Le principali funzioni

Per poter scegliere il “giusto” prodotto, la “migliore” tastiera musicale con più funzioni, ciascun utente dovrà in primis determinare quelli che in base ai suoi bisogni risultano gli aspetti di maggiore importanza. Con un buon modello appartenente alla fascia media di prezzo sarà possibile, ad esempio, sintetizzare i suoni e riprodurre quelli del pianoforte, ma anche delle chitarre o dei fiati, ad esempio. Così come con esso sarà possibile applicare determinati effetti ai suoni stessi (quali il riverbero), o usufruire della tecnica del Vocoding, la quale consente – servendosi di un microfono – di registrare e “variare” la voce umana, incorporandola nelle sonorità elettroniche prodotte dai tasti. E gli esordienti ma anche i dilettanti con più ambizione troveranno estremamente vantaggiosa una tastiera con tasti illuminati, che non ha nulla da invidiare a quella “classica” dal punto di vista delle sonorità e funzionalità offerte. Di cosa si tratta esattamente? Utile per l’apprendimento delle basi, è una tastiera che prevede una funzione integrata per l’acquisizione di canzoni appunto con l’ausilio di tasti luminosi prefissati: i tasti da premere non sono visualizzati su un display, bensì direttamente sulla tastiera stessa, così da rendere più agevole anche la riproduzione di quei brani musicali di particolare impegno e ricercatezza.

Una tastiera musicale con più funzioni sarà certamente contraddistinta dal sottotraccia, cioè brani in memoria riproducibili direttamente con la tastiera, di grande utilità per studiare un brano o per imparare come si improvvisa su una base: si tratta di tracce in numero di 100 circa, e maggiore sarà il numero, maggiori saranno le possibilità di assimilazione della materia per l’utente di riferimento. La funzione di audio recording, invece, permetterà di registrare un pezzo eseguito e di riascoltarlo, in modo tale da provvedere alla correzione di eventuali errori commessi, mentre un amplificatore integrato darà la possibilità di suonare ad un volume più “sostenuto”. I pedali sustain, infine, sostengono – come suggerisce il nome stesso – l’estensione delle note suonate, rivelandosi particolarmente utili per chi si esibisce dal vivo. Della funzione svolta dal metronomo, invece, abbiamo già detto nel paragrafo precedente, e ad esso rimandiamo: in questa sede aggiungiamo solamente che in una tastiera elettronica esso è per lo più digitale, e fornito di un segnale acustico nonché in determinati casi anche luminoso (si tratta solitamente di uno strumento in legno con pendola, e da caricare manualmente). Stante tutte queste funzioni illustrate, riscontrabili in una tastiera musicale, ed alla luce di quanto precedentemente esposto, ogni utente veicolerà il proprio acquisto verso quel prodotto con quelle funzioni che più gli sono utili.

I prezzi e le marche specializzate

Quali sono i costi di una tastiera musicale con più funzioni? Mettendo per un momento da parte la fascia alta, appannaggio dei musicisti professionisti e di chi compone musica, siamo – come prima sottolineato – in una fascia di prezzo media, compresa a livello orientativo tra 100 Euro circa e 350-400 Euro circa. Fascia di prezzo, questa, che oltre a maggiori funzionalità offre anche altre valide caratteristiche, come strumenti campionati di qualità ed un certo numero di ottave. Il range di discreta ampiezza consentirà ai soggetti interessati all’acquisto dello strumento in oggetto di indirizzare l’acquisto stesso verso quel prodotto che meglio risponda alle proprie esigenze, anche dal punto di vista della cifra che intende spendere.

Per quanto concerne invece le marche specializzate da prendere in considerazione, si suggeriscono diversi nomi, quali Yamaha, Roland, Casio, o, ancora, Rockjam, Korg, Simba: fondamentale, sul punto, è rivolgersi a brand conosciuti, su cui poter contare, non solo per la qualità, ma anche per l’efficacia dell’assistenza fornita al cliente.

Creativa e fantasiosa, ma anche riflessiva e determinata. Laureata in Giurisprudenza “atipica”, seguo e coltivo i miei sogni e le mie effettive ambizioni, emersi con forza. Appassionata di scrittura e di musica, e “curiosa” di ogni piccola grande novità tecnologica del settore, fornisco agli utenti utili consigli in merito a prodotti che possono rendere migliore la vita di tutti i giorni. Per agevolare quella che è la scelta più rispondente alle proprie esigenze.

Back to top
menu
miglioritastieremusicali.it